Piattaforma Milano è al fianco del CSI-Centro Sportivo Italiano di Milano

Piattaforma Milano è al fianco del CSI-Centro Sportivo Italiano di Milano per chiedere al Presidente della Regione Lombardia di valutare la possibilità di ripensare l’ordinanza che vieta lo svolgimento di attività sportive non agonistiche pur se svolti in impianti “protetti”.
Siamo certamente preoccupati per la situazione sanitaria senza precedenti e non sottovalutiamo nessuna delle misure proposte ma altrettanto siamo consapevoli che la realtà vada analizzata e provare a proporre soluzioni è un dovere.
Che senso ha chiudere l’accesso agli impianti sportivi per i nostri giovani anche semplicemente per gli allenamenti? I ragazzi continueranno a fare sport in maniera alternativa, in luoghi non protetti, non si fermeranno certamente ma non saranno né controllati né adeguatamente protetti nel rispetto delle norme sanitarie.
Che senso ha sprecare i grandi sforzi e gli ingenti impegni economici e organizzativi delle Società sportive che, insieme anche alle famiglie, in questo ultimo periodo si sono attrezzate per consentire la prosecuzione delle attività pur in un panorama di grande apprensione.
Vi chiediamo di modificare l’ordinanza regionale eventualmente sanzionando solo coloro che non osserveranno tutte le misure di sicurezza, consentendo di non sospendere gli allenamenti.
Dobbiamo continuare ad educare i nostri ragazzi ad una convivenza diversa, facendo sport insieme ma osservando delle regole, magari severe ma non impossibili da adempiere.

Fabio Romano
Delegato Commissione Sport di Piattaforma Milano

Carmelo Ferraro
Portavoce Piattaforma Milano