NON LASCIAMO SOLA LA SOLITUDINE

Piattaforma Milano trova imbarazzante il fatto che il comune di Milano, dopo una settimana di emergenza ancora non abbia attivato, per l’emergenza Coronavirus, né il numero adibito: lo 020202 né altri servizi di prima necessità, primo fra tutti i pasti a domicilio per le persone anziane, sole e fragili sul territorio.
Come sempre i soggetti di terzo settore risultano primeggiare nell’affrontare questa crisi che è paragonabile ad una vera e propria guerra. Perché quando si decide di chiudere tutto, le persone che prima avevano il pacco viveri, che avevano assistenza per cibo, acquisto farmaci, accompagnamenti in ospedale, o semplicemente un po’ di compagnia, che avevano qualcuno che gli chiedesse di cosa avessero bisogno… hanno ancora di più bisogno. E in questo isolamento a cui siamo chiamati emerge in modo violento la solitudine di queste persone, soprattutto se anziani e disabili rimasti soli, senza parenti e/o addirittura amici o vicini.
Il Comune di Milano non può permettersi di prendere tempo per decidere nel dettaglio tutte le procedure nel minimo dettaglio, spesso tra l’altro  caratterizzati da tantissima burocrazia, perché le persone a casa che hanno bisogno non possono aspettare, impallando il sistema dei Servizi Sociali o lasciando gestire emergenze con un’assunzione di responsabilità difficile e rischiosa.
Serve un intervento adesso, senza se e senza ma! Per questo ci aspettiamo che Sindaco e Assessore alle Politiche Sociali si adoperino per risolvere immediatamente tutto questo. Un anziano, un malato, sono persone non cittadini di serie B. #iorestoacasa ma ho bisogno di voi, questo è il grido di chi è solo.
Piattaforma Milano