AL VIA L’AMBROSIANA

Sabato all’Unione del Commercio la prima edizione

AL VIA L’AMBROSIANA:
UNA GIORNATA PER PROGETTARE LA MILANO CHE VERRA’

Piattaforma Milano: costruiamo proposte per governare il cambiamento
Uno spazio per idee, proposte, impegno, responsabilità, concretezza, inclusione, solidarietà, nello stile tipicamente ambrosiano.

Milano, 28 Novembre 2019. Un’intensa mattinata di lavoro con 12 tavoli tematici che elaboreranno progetti e proposte per alimentare il dibattito politico e amministrativo da qui al 2030 passando ovviamente per le prossime elezioni comunali del 2021 e le Olimpiadi del 2026. Un vero think tank che vedrà insieme politici e accademici, imprenditori ed esponenti del terzo settore, il meglio che la città può mettere in campo per progettare il suo futuro ma anche uno spazio aperto alla città, uno speakers corner in cui chiunque avrà un minuto a disposizione per fare una proposta o segnalare un problema.

Ecco in due parole cosa sarà L’Ambrosiana, un evento promosso da Piattaforma Milano – il coordinamento politico di forze liberali e popolari nato un anno fa e presieduto da Carmelo Ferraro in cui lavorano fianco a fianco esponenti di varie forze politiche e movimenti, associazioni e personalità della società civile – che si svolgerà sabato 30 novembre a partire dalle 9.00 presso il Centro Congressi di Confcommercio in Corso Venezia.

L’elenco dei gruppi di lavoro (con alcuni dei nomi che parteciperanno) da l’idea della ricchezza di spunti e di personalità che Piattaforma Milano è riuscita a mettere intorno a un tavolo.

  1. La Città che si rigenera (coordinano Rita Galeone e Roberto Nozza, intervengono Gianni Verga, dell’ordine degli architetti, Tiziano Crudeli giornalista sportivo e Marco Bestetti, presidente Municipio 7)
  2. La Grande Milano (coordinano Matteo Forte e Marco Poloni, interviene Mario Abbadessa, senior partner Hines Italia)
  3. La Città delle Olimpiadi (coordina Ivan Fasciani, interviene Toni Cappellari, allenatore e dirigente dell’Olimpia Milano)
  4. La Città che sta mai coi man in man (coordina Andrea Brugora, , intervengono Marina Verderajme di Jobfarm, Elisa Serafini del Forum economia innovazione e Paolo Giovanni del Nero, ex assessore provinciale Sviluppo scuola e formazione )
  5. La Città cunt el coeur in man (coordina Rosanna Favulli , intervengono Aldo Brandirali, dell’Associazione DeCo e Deborah Giovanati, vicepresidente Municipio 9)
  6. La Città della conoscenza (coordina Roberto Pasolini, interviene Adriano De Maio, già rettore del Politecnico di Milano)
  7. La Città che si muove (coordina Orietta Colacicco, intervengono il prof. Alberto Rovetta, ordinario al Politecnico di Milano e professore Emerito presso la Beihang University di aeronautica ed astronautica di Pechino, Ing. Bruno Bernardo Bosco esperto di costruzioni di metropolitane e Fabrizio De Pasquale, consigliere comunale a Milano)
  8. La Città che commercia (coordinano Carlo Marnini, Alessandro Prisco e Diego Brachetti, interviene Rocco Urga, segretario generale di FederModa)
  9. Una Città amica dell’ambiente e dell’innovazione (coordinano Erminio Galluzzi e Andrea Del Corno, intervengono Raffaele Cattaneo, Assessore regionale all’ambiente, Edoardo Croci, docente all’Università Bocconi, Luca Parmeggiani, Responsabile reparto bio metano di Federmetano e Francesco Cianciotta, Market Analysis Division Manager a Business Intelligence Group e cofondatore di Hope Foundation)
  10. La Citta della Cultura (coordina Stefania Bonaccorsi, intervengono Renato Lombardo, ex direttore di Teatro Libero e ideatore del Milano teatro off, Rosantonia Baroni, ideatrice e responsabile della sezione didattica del Museo di Storia Naturale)
  11. La Citta delle Pari Opportunitá (coordina Anna Gesualdo, intervengono Carolina Pellegrini, consigliera di Parità in Regione Lombardia, l’on. Cristina Rossello, Claudio Santarelli avvocato e Toti Licata, criminologo)
  12. La Cittá della coesione sociale (coordina Maryan Ismail)

Al termine della mattina ogni gruppo di lavoro stilerà un breve relazione che verrà illustrata in plenaria e andrà a comporre un documento di sintesi, vera base programmatica in vista degli Stati Generali di Milano previsti per la primavera 2020. Gli spunti verranno commentati da un panel di personalità nella sessione finale. Interverranno Mario Abbadessa di Hines Italia, Adriano De Maio, già Rettore del Politecnico, Alessandro Galimberti, Presidente dell’Ordine Lombardo dei Giornalisti, Rodolfo Masto, Presidente dell’Istituto dei Ciechi, Carolina Pellegrini, Consigliera di Parità di Regione Lombardia. Intervista Francesca Mortaro Giornalista TGCOM24. Conclude Carmelo Ferraro.

“Abbiamo lavorato intensamente per preparare questo momento – sottolinea Carmelo Ferraro, Presidente di Piattaforma Milano – perché siamo convinti che la politica debba tornare ad essere guidata dai contenuti. La sbornia populista prima o poi lascerà il passo alla riflessione seria sui progetti per migliorare questo Paese. La rivoluzione dei contenuti non può che partire da Milano, luogo della concretezza per antonomasia. La nostra città – prosegue Ferraro – ha intrapreso un percorso virtuoso fin dalla fine degli anni ’90 con i due straordinari mandati di Gabriele Albertini che hanno posto le basi per la trasformazione urbana di cui oggi vediamo i frutti. Le Olimpiadi del 2026, dopo la straordinaria esperienza di EXPO 2015, rimetteranno Milano al centro del mondo e potrebbero consentire l’accelerazione dei processi di innovazione urbana. E’ un’occasione – conclude Ferraro – che l’amministrazione comunale dovrà saper gestire al meglio portando la qualità anche nelle periferie oggi ancora in buona parte abbandonate a se stesse.”

Per contatto Ufficio Stampa
lucio.bergamaschi@semacomunicazione.it
cell 3498675241